La Lorenzini & C. srl nasce nel 1979 per volontà di Enio Lorenzini ed Ugo Grifoni. E’ una realtà che opera nel porto di Livorno e che con il passare degli anni si è contraddistinta per gli innumerevoli investimenti in tecnologia e risorse umane riuscendo a divenire una tra le più importanti realtà del porto labronico.

Le aeree a disposizione sono passate da 1000 metri quadrati del 1985 agli attuali oltre 90mila metri quadrati ed il parco mezzi è in continua evoluzione. Negli ultimi tre anni, tra i vari acquisti, si possono contare 4 gru RTG, una nuova gru semovente Gottwald HMK7608 e la Gottwald GHMK8412 che è attualmente la gru semovente più alta del Mediterraneo. Il terminal è dotato di un binario ferroviario interno di circa 400 metri.

La società opera con professionalità, flessibilità e dinamicità. Proprio queste caratteristiche hanno permesso di aumentare notevolmente il numero di clienti, costituiti soprattutto da importanti compagnie di navigazione di livello mondiale tra cui MSC, Maersk, CmaCgm, Tenaris/Dalmine, Hamburg Sud, General Electric, Zim, Hapag-Lloyd, SaimaAvandero, Combi Lift, BBC Chartering, Hansa Heavy Lift, MGM lines, Thorco Shipping, Big Lift, Sal Heavy Lift.


Il terminal offre operatività 24h su 24h per l’intero arco dell’anno assicurando agevole e rapida esecuzione in modalità Lo/Lo e Ro/Ro delle operazioni di imbarco e sbarco con la movimentazione di ogni tipo di merce: dai contenitori ai rotabili, dai macchinari di impiantistica specializzata al legname. Garantendo sempre la flessibilità per poter operare professionalmente in tutti gli ambiti.

Azienda leader nel settore dell’offerta dei servizi portuali e logistici del porto di Livorno ha movimentato nel corso dell’anno 2018 ben 208mila teus e 125mila metri cubi di general cargo. Ed è proprio questa la grande espansione che sta avendo la società, nata come multipurpose e che nel tempo ha saputo consolidare e sviluppare fortemente la propria operatività anche nell’ambito dei containers. Su questa categoria merceologica si sono concentrati i vari sforzi di adeguamento tecnologico e gli acquisti dei mezzi, situazione necessaria per sostenere l’espansione.

Basta ricordare che nel 2010 i containers movimentati erano poco più di 100mila teus. Un trend di crescita che ha visto in 8 anni quasi un raddoppio dei volumi.

Nel corso dell’ultimo decennio la Lorenzini ha investito in mezzi di produzione e lavori su beni demaniali oltre 29 milioni di euro, di cui ben 18 milioni nell’ultimo quinquennio.

Tutti gli sforzi aziendali sono rivolti all’efficienza dei servizi ed ad uno standard di qualità altamente elevato, operando sempre nel rispetto delle leggi in materia di safety e security. Il terminal è dotato da anni di un sistema evoluto di videosorveglianza che contribuisce a garantire un elevato standard di sicurezza ed ha le certificazioni ISO 9001, OHSAS 18001 e AEO.

L’azienda crede fortemente nella qualificazione delle risorse umane e i programmi di formazione di alto livello garantiscono la qualità del lavoro e l’ottimizzazione dei servizi. Nell’ultimo anno sono state oltre mille le ore di formazione erogate al proprio personale ed i dipendenti sono cresciuti negli ultimi 4 anni con oltre 20 assunzioni. Da alcuni anni l’azienda utilizza gli strumenti più sofisticati che la information technology offre ed ha introdotto un sistema informativo con software applicativo specifico.

Nell’estate del 2014 la Lorenzini & C. srl ha rafforzato ulteriormente l’assetto societario con l’entrata di MSC, leader mondiale a livello armatoriale. “Partnership” che sta dando sostegno a nuovi ed ulteriori progetti e prospettive di sviluppo.

Tra il 2017 ed il 2018  la notizia dell’ingresso delle prime navi da 9.000 teus nel porto di Livorno, operazione avvenuta in sinergia con le autorità competenti e che ha permesso alla Lorenzini & C. di raggiungere un traguardo importante per tutta la comunità portuale livornese. Un servizio, quello MSC per il Sud America, che adesso attracca al terminal settimanalmente con navi appunto da 9.000 teus.

Gli ultimi progetti

Molti dei progetti di sviluppo sono tutt’ora in corso e riguardano da un lato programmi di investimento per poter aumentare gli spazi disponibili e dall’altro lato azioni per potenziare la filiera logistica.

Negli ultimi mesi del 2017 la Lorenzini & C. ha progettato ed ottenuto l’approvazione di un progetto di allargamento del canale di accesso al porto, lavoro di importanza storica e strategica resosi necessario per attrarre nuove servizi e nuove navi, mantenendo così la competitività dello scalo livornese negli anni che dovranno passare fino al completamento della Darsena Europa, il progetto di sviluppo a mare del porto. I lavori si sono conclusi nei primi mesi del 2018.

Durante il 2017 un altro importante investimento della Lorenzini & C. ha portato all’allargamento del varco doganale Galvani per agevolare il flusso della merce via gomma. Operazioni complessivamente sempre intese a beneficio di tutta la comunità portuale e su beni demaniali.

Il 31 dicembre del 2018 , trasportata dall’Olanda, dopo una settimana di navigazione, è arrivata al terminal Lorenzini la gru semovente modello G HMK 8412-64 nella versione HT (con torre più alta di 10 metri) prodotta da Konecranes Gottwald. Al momento la gru semovente più grande d’Europa e del Mediterraneo. Corpo principale alto 58 metri, braccio della macchina lungo 64 metri, cabina dell’operatore collocata a 43 metri per assicurare la massima visibilità possibile a bordo nave. Un investimento di oltre 4 milioni di euro.

Il futuro

Dal mese di giugno 2019 è iniziato il lavoro di raddoppio del binario ferroviario attualmente utilizzato. Operazione vitale per aumentare notevolmente il traffico ferroviario in arrivo ed in partenza dal terminal.

Con un occhio sempre orientato verso il futuro, la Lorenzini & C. sta progettando l’espansione su nuove aree portuali. Le esigenze di spazi sono continuamente in crescita.